La Commissione Europea ha presentato il Piano europeo di lotta contro il cancro

Si tratta di un nuovo modo di affrontare la malattia, nei vari aspetti della prevenzione, del trattamento e dell’assistenza, partendo da ricerca, innovazione e nuove tecnologie. Sono 4 le aree principali d’intervento, che prevedono 10 iniziative faro e azioni di supporto. La realizzazione sarà finanziata dalla Commissione con 4 miliardi di euro provenienti, tra gli altri, dai programmi EU4Health, Orizzonte Europa ed Europa digitale.

• Prevenzione: contenimento dei fattori di rischio come il tabagismo, l’abuso di alcol, l’inquinamento ambientale e le sostanze pericolose. Promozione di alimentazione sana e attività fisica. Copertura vaccinale delle infezioni che causano tumori.

• Individuazione precoce: potenziamento degli screening del tumore al seno, del tumore del collo dell’utero e del tumore del colon-retto per consentirne l’esecuzione al 90% dei cittadini in possesso dei requisiti entro il 2025.

• Diagnosi e trattamento: migliore assistenza per tutti; eliminazione delle disparità; entro il 2021 nuove iniziative di diagnosi e trattamento del cancro per tutti; iniziativa europea per individuare persone ad alto rischio tumori.

• Miglioramento della qualità della vita dei malati di cancro e dei sopravvissuti: riabilitazione, recidiva, metastasi, reinserimento lavorativo. La creazione di un centro di conoscenze sul cancro favorirà il coordinamento tecnico-scientifico a livello UE. Il varo di una iniziativa europea sulla diagnostica per immagini (imaging) dei tumori favorirà lo sviluppo di strumenti computerizzati. Altra iniziativa sosterrà i bambini colpiti da cancro, in maniera ottimale e rapida. Nel 2021 sarà realizzato un registro delle disuguaglianze tra Stati membri e regioni. Si stima che questa malattia possa avere un impatto economico in Europa superiore ai 100 miliardi di euro l’anno.

Nel 2020 nell’Unione europea è stato diagnosticato un tumore a 2,7 milioni di persone e 1,3 milioni di persone hanno perso la vita a causa di tumore. Senza contromisure i casi potrebbero aumentare del 25 % entro il 2035, con il cancro prima causa di morte nell’Unione europea. La pandemia di Covid-19, inoltre, rileva negativamente sulle cure oncologiche, interrompendo i trattamenti e ritardando le diagnosi e le vaccinazioni. Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea, ha dichiarato: «Nel 2020, mentre eravamo impegnati sul fronte della pandemia di COVID-19, molti di noi stavano combattendo una battaglia silenziosa, quella contro il cancro. L›anno scorso 1,3 milioni di europei hanno perso la battaglia e il numero di casi è tristemente in aumento. Ecco perché oggi presentiamo il piano europeo di lotta contro il cancro: in Europa non lasceremo soli coloro che combattono contro questa malattia.»

Margaritis Schinas, Vicepresidente della Commissione europea, ha dichiarato: “Quest’oggi manteniamo una delle grandi promesse della Commissione presentando un piano antropocentrico e a tutto tondo di lotta contro il cancro, del quale affrontiamo tutte le fasi: prevenzione, diagnosi, trattamento e post-guarigione. Si tratta di un piano unico nel suo genere, perché improntato al principio della “salute in tutte le politiche”, che riunisce tutti i filoni di lavoro per perseguire un obiettivo comune: sconfiggere il cancro. Riguarda la salute, ma non si esaurisce nella politica sanitaria. È uno sforzo che coinvolge l’intera società. In un’Unione europea della salute forte il cancro diventa una priorità politica, operativa e scientifica condivisa.” Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: «Pensiamo innanzitutto alle persone, a riconoscere e rafforzare la resilienza e a trattare il cancro come una malattia che si può e si deve sconfiggere. Un›Unione europea della salute forte è un›Unione in cui i cittadini sono protetti dai tumori evitabili e hanno accesso allo screening e alla diagnosi precoce, e in cui tutti possono contare su un›assistenza di alta qualità in ogni fase del decorso. È proprio questo che ci prefiggiamo con questo piano: avere un impatto tangibile sulla cura del cancro nei prossimi anni. Per me si tratta di un impegno personale oltre che politico.»

Recommended For You

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com