Presidente e premier, al vertice due donne. Nel mondo non c’è nessuno come l’Estonia

di Linda Lose

Ha meno della metà degli abitanti di Roma. L’Estonia è un piccolo Paese, 45mila chilometri quadrati, nel Nord dell’Europa che si affaccia sul Mar Baltico, confinante ad Est con la Russia. Ha stabilito un primato con due donne al vertice del potere. Kersti Kaljulaid, 51 anni, la presidente, ha dato l’incarico di formare il governo a Kaja Kallas, 43 anni, europarlamentare (ora lascerà il seggio europeo) che è la leader del partito Riformatore. Kallas è figlia di un dirigente comunista (quando l’Estonia faceva parte dell’Unione sovietica) ma il suo partito è liberale e riformista. In nessun Paese al mondo esiste una coppia al femminile nelle due cariche più alte. È successo che la Gran Bretagna avesse una premier donna con la Regina Elisabetta II. Ma qui la carica reale è dinastica, e comunque con Margaret Thatcher – la prima, poi c’è stata Theresa May – si ruppe un tabù. Ma l’Estonia è una repubblica parlamentare.

Con l’incarico di formare il governo a Kaja Kallas, sono ora sei le donne premier degli otto Paesi nordici. In media, hanno 45 anni. Sono di destra, di sinistra, di centro, nessuna di loro è espressione di estremismi. Nel governo, danno incarichi importanti ad altre donne. Nel caso dell’Estonia, il ministero degli Esteri è affidato a Eve-Maria Liimets, una diplomatica di carriera, ambasciatrice a Praga. L’Economia è affidata a Keit Pentus-Rosimannus, che già ha occupato dicasteri importanti nei precedenti esecutivi.

A Oslo, Erna Solberg, conservatrice, è la decana delle donne in politica del Nord Europa (anche se la Norvegia non è nell’Unione europea). Cinquantanove anni, da otto al potere, che sembrano tanti ma sono circa la metà del tempo da Cancelliera della tedesca Angela Merkel. A Copenaghen, premier è Mette Frederiksen, 43 anni, al governo per i socialdemocratici che hanno vinto le elezioni due anni fa. “Verde” è la premier islandese Katrin Jakobsdottir, 44 anni. Anche l’Islanda, come la Norvegia, non è nell’Unione europea. Presentò la domanda nel 2009, la ritirò per nel 2015, pur aderendo però allo “spazio economico”. In Finlandia, la socialdemocratica Sanna Marin è alla guida del governo dal dicembre del 2019, una coalizione di cinque partiti tutti guidati da donne. Sanna Marin ha solo 35 anni, e si è sposata pochi mesi fa con Markus quando già era primo ministro.

Recommended For You

About the Author: RED

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com