Europa Day, Sassoli: “Se necessario cambiamo i trattati”

Il 9 maggio del 1950 la dichiarazione Schuman proponeva la nascita di una Comunità europea del carbone e dell’acciaio. L’inizio del progetto che oggi si chiama Unione europea.

Si è aperta la Conferenza sul futuro dell’Europa: un anno di dibattiti tra le istituzioni e i cittadini per proporre una nuova Europa. Da Strasburgo con il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio, Antonio Costa, e il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron. Collegati i rappresentati di tutti i 27 Stati membri.

“La pandemia ci ha fatto capire che senza Europa saremmo stati tutti più deboli. Dobbiamo continuare con il rafforzamento del progetto europeo: settant’anni di pace e solidarietà sociale. Il Parlamento dovrebbe avere poteri d’iniziativa legislativa, agli Stati dovrebbe essere tolto il diritto di veto: se necessario dobbiamo avere il coraggio di modificare i trattati. Gli europei vogliono risposte rapide e pratiche ai problemi. E solo un’Europa unita e decisa potrà farlo”, ha detto David Sassoli.

Recommended For You

About the Author: MT

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com