Al via il concorso Ue per aspiranti giornalisti

di Giorgio De Rossi

E’ partita l’edizione 2020 del Programma “Youth4Regions”, predisposto dalla DG “Politica Regionale ed Urbana” della Commissione Europea, volto ad aiutare gli studenti di giornalismo ed i reporter alle prime armi, a scoprire cosa stia facendo l’UE nel proprio Paese. Obiettivo del concorso è accrescere la consapevolezza e l’informazione sulle politiche regionali offrendo la possibilità ad aspiranti giornalisti di cimentarsi in prima persona con i temi dell’Unione europea. Il Concorso è dedicato ai due giovani giornalisti, Antonio Megalizzi e Bartosz Piotr Orent- Niedzielski, uccisi nell’attacco terroristico ai mercatini di Natale di Strasburgo il 14 dicembre 2018. Già a febbraio dello scorso anno la sede di Strasburgo del Parlamento europeo aveva reso omaggio ai due giovani reporter, dedicando loro lo studio radiofonico che si trova all’interno dell’edificio. La targa era stata scoperta dal Presidente dell’istituzione comunitaria, Antonio Tajani, che, per l’occasione, aveva voluto invitare una parte della redazione di Europhonica, l’Associazione Italiana Operatori Radiofonici Universitari per la quale i due giovani lavoravano. Il sogno di Antonio Megalizzi era quello di scrivere, ma soprattutto di raccontare e diffondere il progetto europeo con un linguaggio nuovo ricorrendo però ad un mezzo antico, quello radiofonico, al quale attribuire un ruolo principe nel trasmettere passione e cultura. Con questo ricordo si sono aperte, il 6 aprile 2020, le iscrizioni alla II° Edizione del Premio in Memoria di Antonio Megalizzi che si concluderanno il 13 luglio p.v.I requisiti richiesti per la partecipazione al concorso sono legati al possesso di un’età compresa tra i 18 ed i 30 anni, nonché essere cittadino di uno Stato membro dell’UE, o di uno dei Paesi confinanti, o dei Paesi candidati all’adesione.

Inoltre, è necessario mostrare un forte interesse per le politiche regionali europee adottate nella propria Regione e possedere un’esperienza giornalistica di studio o almeno due anni di attività svolta nel settore. Infine, è indispensabile garantire la propria disponibilità per la permanenza a Bruxelles nei giorni dall’11 al 16 ottobre 2020. Il 3 agosto p.v. si riunirà la giuria che esaminerà le domande pervenute; i risultati della selezione, validi per ottenere l’ammissione al concorso, si conosceranno il 10 agosto 2020. Ai primi 33 partecipanti risultati vincitori verrà offerta, nel predetto periodo tra l’11 ed il 16 ottobre, l’opportunità di:

  • frequentare corsi di formazione sul giornalismo e sulla politica regionale dell’UE
  • ricevere il tutoraggio da giornalisti affermati nel proprio Paese
  • lavorare al fianco di rinomati giornalisti durante la “Settimana europea delle Regioni e delle Città 2020 (prevista dal 12 al 15 ottobre p.v.): il più grande evento dell’Unione dedicato alla politica di coesione che ogni anno riunisce a Bruxelles centinaia di esperti e personalità politiche
  • partecipare, come giornalista, alle conferenze stampa della Commissione europea negli Stati membri
  • visitare gli uffici di comunicazione e delle istituzioni della UE
  • ottenere il rimborso delle spese di alloggio e di viaggio da parte della Commissione europea Il premio, come rilevato, è rivolto alla memoria di Antonio Megalizzi, un giovane perbene, europeista convinto, bravo nel suo lavoro, appassionato e pieno di ideali.

“Per lui l’Unione Europea non era un’entità  astratta – ha dichiarato David Sassoli, Presidente del Parlamento europeo e giornalista come lui – ma un’istituzione portatrice di valori universali, una realtà  concreta, un luogo di scambio e di elaborazione di idee. Antonio, che era un brillante comunicatore, lo abbiamo conosciuto al Parlamento europeo nella sua attività di cronista impegnato a far conoscere l’Europa ai giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *